Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2015

Bologna for food

Immagine
Questo post mi è stato "ispirato" quando, oggi, sono andato al supermercato a fare la spesa.
In un frigorifero c'era, by Buitoni (azienda nata a Sansepolcro ma in seguito trasferitasi a Milano), la "lasagne di Bologna".

Con tanto di ragù tipico.
E fin qui va bene.
E la classica sfoglia bianca.
Queste non sono le tipiche lasagne alla bolognese, assolutamente no, anchwe se molti (non bolognesi) si intestardiscono a dire il contrario.
Una scatarrata in un occhio è l'unica risposta che questa gente si merita.
Dopotutto costoro pensano che i tortellini vadano cucinati con il ragù: rob 'e matt!!!
Innanzitutto la vera lasagna di Bologna è verde: ricetta.
Mentre sfoglia bianca e ragù sono i topoi di un altro grande classico della cucina locale: le tagliatelle.

Mentre i tortellini vanno rigorosamente solo e soltanto in brodo.

Qualsiasi altra ricetta (ragù, panna, salcazzo) non è bolognese.
Può essere di Milano quanto di San Lazzaro di Savena, ma non è di Bologna…

Bologna for fun

Immagine
Ovvero: albergo (ostello, meglio), ristoranti, gelaterie, luoghi sfiziosi ed altro ancora.
Una premessa: a mezzogiorno ho mangiato essenzialmente "finger food" (che fa tanto figo dirlo e scriverlo quanto ti rende un totale idiota quando si scopre di cosa parli: cibo da asporto. Ovverosia pizzette, frittelle, focaccia, patatine fritte, eccetera), principalmente da pizzAltero (una catena emiliano-romagnola. Giudizio: buitonesca), da un"asporto" che utilizza farina di kamut (giudizio: vende anche specialità liguri e leccesi... però le seconde non sono malaccio) che dovrebbe trovarsi all'inizio o a metà di via degli Orefici e in un altro luogo di cui non ho memoria.
Per chi beve alcoolici: un salto alla famosissima Osteria del Sole è un must. Tra l'altro ci si può portare il cibo da casa (o comprarlo altrove), prendere il ino e pasteggiare li.
E' perennemente strapieno di gente di ogni età e censo (si: io notoriamente astemio, ci sono entrato. Non bevo, ma …

Bologna la rotta

Appena tornato da Bologna, detta "la turrita", o "la piccola Roma" (dopotutto stiamo parlando del secondo comune per importanza, dopo Roma, ai tempi dello Stato della Chiesa).
Da dove partire per descrivere questa città?
Dalle sue mille contraddizioni?
Dalle sue mille chiese?
O non è, forse, meglio partire dai suoi abitanti?
Ecco, i bolognesi son persone di cuore, solari e gentili.
Veramente un altro mondo rispetto alla Liguria, terra di migugni e musi lunghi.
Bologna è una città che guarda molto al futuro, con la costruzione di una linea (i cantieri sono aperti, e tagliano di netto il centro della città ed impediscono od offuscano paesaggi cittadini estremamente importanti e belli) di autobus "autoguidati" (ma che avranno comunque bisogno a bordo di un conducente... ma non sono autoguidati?), ma è altrettanto incapace di vedere le innumerevoli buche, i tanti avvallementi nel terreno, i troppi scalini sconnessi che ne caratterizzano, in negativo, il tessu…